Ghiti strac
Tu sês tal sît di plui di 30 minûts
Pai grancj

Realizzazione: Ensoul SRL
Con il contributo di: ARLeF – Agjenzie regjonâl pe lenghe furlane
Concept: Fulvio Romanin + Bekko
Testi: Fulvio Romanin con il contributo di Enza Purino, Alessandro Valoppi, Adriana Cruciatti / CALT
Illustrazione e design: Bekko (Martina Paderni, Elena Guglielmotti, Cecilia Cappelli)
Traduzione: Sportel Furlan
Frontend development: Matteo Driussi, Samuele Venier
Backend development: Giulio Pecorella
Illustrazione: Martina Paderni
Animazione: Elena Guglielmotti, Matteo Driussi
Naming dei personaggi: Ferdinando Passone
Voce: Michela Facca
Contenuti aggiuntivi: Chiara Thompson
Illustrazioni da scaricare a cura di Colora che ti passa (colorachetipassa.com)

Per la modalità "Leture facilitade" si ringrazia:
Biancoenero© è la prima font italiana ad alta leggibilità messa a disposizione gratuitamente per tutte le istituzioni e i privati che la utilizzino per scopi non commerciali. 
È stata disegnata dal graphic designer Umberto Mischi, con la consulenza di Alessandra Finzi (psicologa cognitiva), Daniele Zanoni (esperto di metodi di studio in disturbi dell'apprendimento) e Luciano Perondi (designer e docente di tipografia all'ISIA di Urbino). Brevetto n. RM2011O000128.

Si ringrazia:
William Cisilino, Luca Vassena, Lucia Radicchi, Roberta Ragona e tutto lo staff di Colorachetipassa

Pai
grancj
Torne ai contignûts
Stele, une frute ninine e gaiarine e je lade a fâ une cjaminade in mont cui siei barbis. Oh, ce maravee! La magjie che dome il bosc al da, le incjante cussì tant che, par une disatenzion, si piert tra i arbui...
Il soreli al è daûr a lâ a mont, lis ombris si slungjin cidinis cidinis e a rivin a fâi pôre. Bot e sclop, di daûr des ramacis, si sint un rumôr fuart. Stele si plate daûr di un arbul e e tache a lumâ, cul cûr che al bat fuart.
Ma, di un sterp, al ven fûr dome un riç picinin e legri.
Passade la pôre, la frute si svicine e i dîs: “No savevi che i riçs a fossin bogns di ridi”. Il riç, un saltuç daûr di chel altri, i va dongje par fâsi cjarinâ: cui siei aseis le fâs riduçâ, e i dîs “Ghiti!”.
Stele, e je maraveade di sintî fevelâ une besteute cussì picinine e e pense che chel al sedi propit il so non, inalore i rispuint fasint bocje di ridi: “Mandi, Ghiti! Jo o ai non Stele!”.
Ce biel! Il riç al fevele par furlan come a cjase, e a scuele! Ghiti e ducj i siei amîs dal bosc a fevelin furlan. Cussì Stele e decît di imparâ plui peraulis par furlan, par tornâ biel prest a fevelâ cun Ghiti.
Serpente
Gire il tablet!

Contatinus!

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

Mande la tô ricete

  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.

Mande il tô dissen

  • Accepted file types: pdf, jpg, jpeg, png.
  • This field is for validation purposes and should be left unchanged.
Cemût che e funzione la “Modalitât esplore”
Cuant che si met il cursôr sore di un test par furlan (modalitât desktop) o si movisi te pagjine (acès cun smartphone e tablet) e ven fûr in automatic la traduzion par talian, che e facilite il frut – e i gjenitôrs – a familiarizâ cu la lenghe scrite. Une icone cu la forme di çatute Simbolo zampina e mostre lis areis di test che a proponin la traduzion imediade.
Gif animata Modalitât Esplore